image1 image2 image3 image4 image5 image6 image6 image6 image6

Viaggi/Escursioni


VIAGGIO A HALBERSTADT  CON CORSO INTENSIVO DI TEDESCO E CERTIFICAZIONE 

DAL 25 NOVEMBRE AL 12 DICEMBRE 2018 

Voli Easy Jet da Olbia a Berlino Schoenefeld nelle date indicate a cura dei partecipanti

Sistemazione in casa o albergo organizzata da ACIT ( 400 € in camera doppia per 17 notti)

 

Im Herzen Deutschlands liegt die mittelalterliche Kleinstadt Halberstadt, auch „Tor zum Harz“ genannt. Der Harz mit seiner höchsten Erhebung dem Brocken (1142m) ist das nördlichste Mittelgebirge Deutschlands. 

La cittadina medievale di Halberstadt, conosciuta anche come "La Porta della Harz", è situata nel cuore della Germania. La Harz è la regione montuosa più a nord della Germania. La sua vetta più alta è il Brocken, con i suoi 1142 metri.

 

In Halberstadt gibt es viel zu sehen: den eindrucksvollen gotischen Dom mit seinem Domschatz, die Liebfrauenkirche als Teil der „Straße der Romanik“, diverse Museen, den Landschaftspark Spiegelsberge.

A Halberstadt c'è molto da visitare: il duomo in stile gotico ha un'impressionante architettura e, all'interno, un tesoro molto ricco. La Liebfrauenkirche rappresenta una tappa dell'itinerario romanico. Molti sono i musei. L'ampio parco Spiegelsberge offre notevoli scorci paesaggistici. 

 

Ein Bummel durch die Altstadt lohnt sich ebenso, wie in den benachbarten Fachwerkstädten Wernigerode und Quedlinburg (Weltkulturerbestadt).

La città vecchia è notevole con le sue case antiche, che si ritrovano anche nelle località vicine di Wernigerode e Quedlinburg, quest'ultima patrimonio dell'umanità.

 

In der Freizeit können auch das Theater, das Kino oder das große Schwimmbad genutzt werden und an den Wochenenden lädt der Harz zu Spaziergängen oder Wanderungen ein.

Teatro, cinema, sport, escursioni nei boschi sono passatempi per il fine settimana, così come i mercatini di Natale con le porte aperte della città a cavallo tra novembre e dicembre 2018. 

Il GUILCER - 19 FEBBRAIO

h. 8:00 Partenza dal Molo Brin per Ghilarza- breve sosta tecnica intermedia

h. 10:00 Nel capoluogo del Guilcer visiteremo: Casa Gramsci- la chiesa di San Palmerio- la Torre Aragonese

h. 12:00 Nuraghe Losa 

h. 13:30 pausa pranzo 

h. 14:30 Pozzo di S. Cristina a Paulilatino

h. 16:30 santuario di san Costantino 

h. 19:00 Arrivo a Olbia 

 

 

LA SARDEGNA SABAUDA- 5 FEBBRAIO

h. 8:00 Partenza per Palau 

h. 9:00 Imbarco per La Maddalena

h. 9:30 Breve sosta con illustrazione della geografia dell'arcipelago

h. 10:00 Visita del compendio garibaldino a Caprera 

h. 11:00 Visita del memoriale a Forte Arbuticci Caprera 

h. 12:30 Poggio Rasu

h. 13: 00 pausa pranzo

Panoramica - Cala Gavetta- Centro storico La Maddalena 

h. 17.00 traghetto per Palau

17:30 breve sosta a Capo d'Orso 

 

 

 

DALLA GALLURA IN ANGLONA- 25 OTTOBRE

 h.8:30 Partenza dal Molo Brin

DESCRIZIONE DEL PAESAGGIO IN ITINERE-  LANDSCAPE ON FLOW

Visita naturalistica: Martis , La foresta carrucana 

Attività produttive: incontro con la pastorizia nell'azienda di Sebastiano Manchia

Martis: la chiesa di S. Pantaleo, gioiello gotico-catalano;   il piccolo museo etnografico

Perfugas: il retablo di San Giorgio; il pozzo sacro nuragico di Predio Canopoli; il Museo Paleobotanico- la presenza dell'uomo nel Paleolitico Inferiore 

h. 19 arrivo a Olbia 

 

LA GALLURA MISTERIOSA- 15 NOVEMBRE

h. 8:30  Partenza dal Molo Brin

DESCRIZIONE DEL PAESAGGIO IN ITINERE- LANDSCAPE ON FLOW

Oschiri: visita dell’altare rupestre di  S. Stefano 

Visita naturalistica : Monte Acuto

Berchidda : Breve escursione al Monte Acuto e a Sa Pedra Iscritta - Pranzo al sacco - Visita in cantina/ oppure olio Arzachena: Necropoli Li Muri -Tomba dei giganti Coddu Vecchju o Li Lolghi

h.19:30 Arrivo a Olbia

IL  MARGHINE- 22 NOVEMBRE

 DESCRIZIONE DEL PAESAGGIO IN ITINERE-LANDSCAPE ON FLOW

Abbasanta: nuraghe Losa

Borore : Museo del pane rituale 

Macomer: necropoli Filigosa (domus de janas) Area archeologica di Tamuli (nuraghe, tombe dei giganti, betili, capanne)

Silanus : santa Sabina , nuraghe e chiesa, visita esterna  

Bortigali: incontro con produttore di formaggio- visita in cantina 

I MONTI DI ALA’- 29 NOVEMBRE

DESCRIZIONE DEL PAESAGGIO IN ITINERE- LANDSCAPE ON FLOW

Buddusò: Nuraghe Loelle (con capanne e tombe dei giganti resti)

 Visita naturalistica: Sorgenti del Tirso

 Visita attività produttive:  granito/ formaggio 

 Alà dei Sardi: complesso archeologico Sos Nurattolos (fonte sacra, tempio a  megaron, capanne)

 INCONTRO CON IL GRUPPO DI CANTO A TENORE

 I 40 ANNI DI PADRE PADRONE – 6 o 12 dicembre

MEILOGU-DESCRIZIONE DEL PAESAGGIO IN ITINERE, LANDSCAPE ON FLOW

Ardara: La Cattedrale nera- Retablo 

Siligo Santa Maria Bubalis

Visita naturalistica: Il Monte Santo

Incontro con Gavino Ledda

 

 

 

VIAGGIO A SANT'ANTIOCO:  11- 12 APRILE 2015 

E' la quarta delle isole italiane dopo la Sicilia, la Sardegna e l'Elba. Insula Enosis come la chiamavano i latini o anche  Insula Plumbea per la presenza di qualche miniera di piombo, di cui oggi non restano che deboli tracce. Una  terra affascinante,  immersa nel golfo di Palmas, abitata da tutte le popolazioni che sono passate per il territorio sardo: nuragici,  fenici, romani, fino ai sabaudi. Arrivarci è una scoperta: bisogna attraversare l'Iglesiente e l'intero Sulcis e il ponte che, insieme all'istmo  la tiene legata all'isola madre.

Nei tempi antichi la cittadina di Sant'Antioco era uno dei porti più importanti del Mediterraneo dove venivano caricate tutte le ricchezze, oro compreso, estratte nelle miniere della regione. Da visitare: il villaggio ipogeico punico, il tophet fenicio, il museo, le catacombe di Sant'Antioco, il forte sabaudo. 

Nel versante nord è Calasetta con la Torre seicentesca e la spiaggia con porticciolo. La sua storia è legata alla cultura tabarchina, la minoranza etnica di origine genovese, che era stata  

A Sant'Antioco ci accoglierà  Chiara Vigo, ultimo Maestro del bisso e di tessitura antica-

Il nostro viaggio sarà arricchito anche dall'incontro con Pinuccio Sciola, nel suo giardino di pietre sonore a S. Sperate. 

Partenza ore 8 da Olbia- Molo Brin 

Arrivo a Sant'Antioco dopo circa 5 ore con le necessarie soste tecnico-fisiologiche e sosta per pranzo al sacco

Nel pomeriggio: visite ai siti di interesse e incontro con Chiara Vigo nel Museo del Bisso.

ore 20: cena a base di pesce 

Domenica 12 

Partenza  ore 9: Visita di Calasetta e tour dell'isola 

Degustazione nelle Cantine Sardus Pater con vino Carignano, salumi e formaggio

Ore 14 Partenza da Sant'Antioco 

Ore 15:30 Sosta a S. Sperate nel giardino di pietre sonore con Pinuccio Sciola

Ore 20: rientro a Olbia 

Costo: 170 EUR ( compreso pernottamento, cena, incontro con Chiara Vigo, Pinuccio Sciola e degustazione;  non sono compresi i ticket nei musei)

 

 

ESCURSIONE A BOSA il 15 MARZO 2015


VIAGGIO IN OGLIASTRA - Sab 28 feb- Dom 1 marzo

Arriveremo a Baunei passando per l'orientale sarda, capolavoro di ingegneristica stradale, con una breve sosta a Capo Comino, l'estremità orientale dell'isola. Passando per Baunei, faremo una breve sosta a Pedra Longa, uno dei simboli dell'Ogliastra, monumento naturale a picco sul mare. Nella frazione balneare di S. Maria Navarrese visiteremo il parco urbano degli olivi millenari intorno alla chiesetta sul mare. Il viaggio continua verso Arbatax, sul capo Bellavista, per ammirare le celebri rocce rosse. Ultima breve tappa prima di entrare nel cuore dell'Ogliastra la spiaggia di Barisardo, con la torre spagnola che si erge sul mare. 
Entreremo nell'incredibile territorio dei tacchi per raggiungere Ulassai, il paese di Maria Lai. Visita alle tessitrici della cooperativa Su Marmuri e una visita guidata alla stazione dell'arte. 
Cena e pernottamento a Jerzu. Menu tipicamente ogliastrino: culurgionis e carne arrosto, innaffiati dallo storico Cannonau.
Domenica ci dirigeremo a Osini, poco distante con tre obiettivi: la Scala S. Giorgio, il Nuraghe Serbissi a 953 metri di altitudine e il monumento naturale di Perda Liana, torrione simbolo imponente dell'isola.
Nel pomeriggio lasceremo l'Ogliastra percorrendo la strada a scorrimento veloce verso Nuoro, con due tappe archeologiche dedicate al santuario nuragico di Gremanu e la tomba di giganti di Madau.

 

 

 

 

 

 

ESCURSIONE A ALGHERO - DOMENICA 25 GENNAIO  2015

Un coccetto di Catalogna in Sardegna 

La partenza è prevista per le 8 al Molo Brin con pulmann Giagheddu da 29 posti.

L'arrivo a Alghero è previsto è per le ore 10. 

Visiteremo la città fortificata con i bastioni spagnoli e le torri, la Piazza con la Cattedrale di Santa Maria, il Centro storico con l'esempio mirabile di gotico catalano della Chiesa di san Francesco e  la Chiesa dei gesuiti  di San Michele. Degusteremo un piatto di spaghetti ai bogamarì, ricci di mare, tipicità algherese. Incontreremo un corallaro.  Prima di ripartire, breve sosta per degustare il vino tipico di Alghero, il Torbato.

Insieme alle aspiranti guide racconteremo una delle città più affascinanti della nostra isola e tutto l'itinerario da Olbia alla costa opposta . Partenza ore Partenza da Alghero ore 18. 

Se il numero dei partecipanti sarà superiore ai 20, la quota sarà di 50 EUR compreso il piatto di ricci. 

Se il numero sarà superiore a 25,  nella quota di 50 EUR sarà compreso  anche il Torbato, l'acqua e il caffè. 

 

ESCURSIONE A MAMOIADA SABATO 16 GENNAIO 2015

 

La festa di S. Antonio Abate coincide in Sardegna con l'inizio del Carnevale e viene celebrata con riti arcaici molto sentiti dalla popolazione e sempre più apprezzati anche dai turisti. Visiteremo i musei di Mamoiada (Maschere, Territorio e Archeologia, Cultura  e Lavoro) e parteciperemo ai riti inscenati dalle maschere. La visita a Mamoiada sarà come sempre introdotta dalle nostre guide e completata nel racconto  dagli operatori culturali del luogo. Il pranzo sarà al sacco. La partenza con pulmino è prevista alle 10:15 dal Molo Brin e il rientro a Olbia per le ore 21:30. La quota di partecipazione è di 50 EUR 

 

 

 

 

 

ESCURSIONE NEL SASSARESE 23 novembre  2014

Escursione culturale, con visita al sito archeologico di Monte d' Accoddi, alla Cattedrale di S.Nicola e al Museo Sanna.  Pranzo al sacco.Nel pomeriggio è prevista la visita di una cantina e di un'azienda olearia del comune di Usini. L'itinerario sarà raccontato dalle guide Anna Maria Mureddu, Anna Maria Fara e Cristina Ricci, insieme ai tirocinanti ACIT. La partenza sarà alle ore 8 dal Molo Brin. Per informazione telefonare al numero dell'ACIT 0789 28288 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Escursione ACIT nel Meilogu Domenica 16 novembre

Alla scoperta della regione storica crocevia di scambi sin da epoche remotissime e ricca di testimonianze del passato e di tradizioni enogastronomiche e artigianali. 

Un itinerario affascinante che da Olbia si muoverà verso Mores, dove ammirare la bellezza del suo famoso campanile: un monumento davanti al quale si passa spesso distrattamente, forse senza accorgersi che è il più importante esempio di stile neoclassico in Sardegna oltre che il campanile più alto dell'isola, con i suoi ben 46 metri.

 

Il viaggio proseguirà verso Bonorva per apprezzare i tappeti e gli arazzi de “Su Telalzu” e conoscere, attraverso i racconti delle artigiane, i segreti dell'antica arte della tessitura. Si continuerà verso Rebeccu, importante centro del Meilogu durante il periodo giudicale, oggi famoso per avere un solo abitante residente, che conserva nelle sue vicinanze la chiesa di San Lorenzo in stile romanico-pisano. Visita quindi alla necropoli di Sant'Andrea Priu, che conserva tra tante altre, la tomba del Capo, una delle più grandi sepolture ipogeiche del Mediterraneo, una Domus de Jana con ben 18 stanze. Dopo un leggero pranzo  a base del famoso zichi di Bonorva, si farà l'imprescindibile tappa al nuraghe Santu Antine di Torralba, uno dei più imponenti e meglio conservati di tutta la Sardegna. Il viaggio nella preistoria e protostoria si concluderà a Cheremule con una visita della necropoli Mosseddu e della tomba Branca, ricca di petroglifi antropomorfi.

 

Partenza alle 8,00 da Olbia molo Brin, rientro previsto alle 18,30.

Domenica 9 Novembre- Itinerario Olbiese

Pozzo sacro Sa Testa;  Museo Archeologico; Chiesa S. Paolo; Centro storico; Degustazione Anticas Licanzias;  Basilica di S. Simplicio; Magazzini romani, Acquedotto romano

Domenica 26 OTTOBRE- Preistoria, Etnografia, Storie di Vini e Orti , incontri con uomini e paesaggi  Escursione in Gallura, un viaggio nel tempo dall'antico al moderno.

 

Osservare il territorio per guardarlo con occhi diversi, riscoprire ciò che si crede di conoscere, per trasmettere una maggiore consapevolezza del proprio patrimonio storico e culturale

La partenza da Olbia Molo Brin  è prevista alle 8,15 con pulmino.

La prima tappa sarà a Luras, per apprezzare gli ulivi millenari,  il patrimonio preistorico dei dolmen e il museo etnografico di Pier Giacomo Pala. Infine, visita alla nuova piccola cantina familiare Muscazega di Laura Carmina che produce due eccellenze del territorio: il Vermentino di Gallura, unica DOCG in Sardegna e  il Nebbiolo, vitigno coltivato esclusivamente su questo versante dei colli del Limbara. 

Dopo il pranzo al sacco, il viaggio  proseguirà verso Arzachena con visita  alla necropoli di Li Muri. E' prevista la visita all' Orto Biodinamico Tenuta Le More di Roberto Carboni, Presidente di Sardegna Filiera Corta, l'associazione che mette in contatto diretto i produttori con i consumatori a chilometri zero.

La giornata terminerà con una visita e degustazione a Vigne Surrau, la cantina fiore all'occhiello della nuova enologia e dell'enoturismo in Sardegna.

 

 

ACIT OLBIA C.F. 91012700901 - Impressum / c2012